16. Il corpo odiato – Nicola Lecca

File_000 (7).jpeg

11 aprile 2015

“Un po’ mi fa paura raccontare la verità, far uscire da me in maniera definitiva fatti atroci che dovrebbero rimanere segreti. Scrivere ciò che è accaduto è difficile, ma non voglio che il dolore venga sprecato: preferisco spremere le parole ad una ad una: essere cronista della disperazione che mi ha colto, per poterla ricordare quando non ci sarà più. La regola è questa: che potrò raccontare anche senza un ordine preciso. Anzi: meno ordine troverò fra i pensieri, più efficace sarà il resoconto dell’angoscia. È soltanto l’inizio, questo, ma è un dovere cominciare.”

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...